cover_pazzia_amore_rit_rgbEcco “la pazzia e l’amore”: diario profondo di Gertrud Schwing, infermiera e psicoanalista che, alla fine degli anni trenta racconta il suo lavoro con pazienti schizofreniche in manicomio. L’importanza data alla relazione, alla vicinanza, al rispetto ed all’amore per l’altro ne fanno un testo di grande attualità all’interno del dibattito della psichiatria contemporanea.
Dalla nuova prefazione di Tommaso Ferraresi:
“Il volume è un resoconto toccante e oltremodo attuale del lavoro svolto da Gertrud Schwing, infermiera psicoanalista, prima in analisi e poi in supervisione con Paul.Federn, con pazienti “gravi” di sesso femminile ricoverate in una clinica universitaria.
Il contesto storico di allora (1937/38) relegava i pazienti psicotici e non solo, nelle istituzioni manicomiali con trattamenti prevalentemente di custodia e ben poche risorse in ambito farmacologico.
Quello che da subito colpisce nel lavoro di Gertrud Schwing è l’attenzione nei confronti dell’individuo che diventa il centro della cura: una riflessione attenta e accurata all’esperienza soggettiva.
Ci vengono presentate molteplici forme della sofferenza psicotica, con le loro differenze etiopatogenetiche, nosografiche e psicopatologiche.
Il lettore incontrerà la messa in opera di una relazione duale come tentativo indispensabile per cercare di comprendere e curare la follia; un avvicinarsi ad essa con rispetto e curiosità.
Colpiscono l’attento sguardo psicopatologico ma anche il tentativo di cimentarsi con questa o quella paziente, senza arrestarsi davanti al dilemma riguardante la trattabilità o possibilità di cura.

“Un documento profondamente umano di capacità professionale, conoscenza, intuizione e saggezza nell’approccio terapeutico al paziente schizofrenico” Frieda Fromm-Reichmann

“E negli ultimi tre anni del mio lavoro a Vienna ebbi una collaboratrice ideale nell’infermiera e psicoanalista svizzera Gertrud Schwing … aveva un talento, un’esperienza e una dedizione al suo lavoro del tutto eccezionali” Paul Federn

“Non conosco nessun libro che in maniera così semplice e commovente sia in grado di avvicinarci agli interrogativi irrisolti della vita psichica e sociale dell’uomo” Hans Christoffel

“Un’occasione straordinaria di ripercorrere un cammino che dalla storica psichiatria psicopatologica ci porta ai mutamenti innovativi culturali che hanno radicalmente trasformato il clima della cura e dell’assistenza al malato mentale” Simona Taccani

http://arpaedizioni.it/prodotto/gertrud-schwing/
Arpaedizioni.it